MUFFA E CONDENSA IN CASA DOPO LA SOSTITUZIONE DELLE VECCHIE FINESTRE

Home / Blog / Ristrutturazione / MUFFA E CONDENSA IN CASA DOPO LA SOSTITUZIONE DELLE VECCHIE FINESTRE
Muffa e condensa sulle nuove finestre
MUFFA E CONDENSA IN CASA DOPO LA SOSTITUZIONE DELLE VECCHIE FINESTRE
  • 27 Apr 2023

Sostituire le vecchie finestre con altre più nuove ed efficienti è un investimento intelligente per la tua casa. Le nuove finestre possono migliorare l’efficienza energetica, ridurre il rumore e migliorare l’aspetto generale della tua casa. Tuttavia, un potenziale problema che può insorgere dopo la sostituzione della finestra è la formazione di muffa e condensa sul lato interno del serramento o magari sul vetro interno. Questo perché le nuove finestre avendo chiusure tramite guarnizioni perimetrali a tenuta, non consentono la circolazione dell’aria, che può portare all’accumulo di umidità e alla crescita di muffe.

Quello che prima accadeva grazie agli “spifferi”, ossia un micro ricircolo involontario che manteneva costante (cioè fredda!) la zona intorno alle finestre.

condensa lato interno vetro finestra
condensa lato interno vetro finestra

Sto stando per scontato che durante la sostituzione delle vecchie finestre, eventuali ponti-termici se presenti siano stati non dico eliminati, ma almeno mitigati. Ad esempio soglie passanti dei davanzali, o controtelai in ferro non termici, e che i nuovi infissi abbiano un canalino perimetrale warme-edge (bordo caldo) Di fondamentale importanza nei nuovi serramenti.

Per evitare la formazione di muffe e condense dopo la sostituzione del serramento, ci sono diversi accorgimenti che puoi seguire, specie nel periodo invernale. Infatti è risaputo che durante l’inverso tendiamo a fare arieggiare meno i locali, con una proliferazione maggiore di muffa.

Ventilare correttamente la tua casa: uno dei modi più semplici per prevenire l’accumulo di umidità è garantire che la tua casa sia adeguatamente ventilata. Ciò può essere ottenuto aprendo le finestre, utilizzando aspiratori nei bagni e nelle cucine e installando un deumidificatore. Più semplicemente perà basta aprire un paio di finestre, magari opposte in modo da creare una corrente d’aria di ricircolo. Bastano 5/6 minuti. Durante questo tempo possiamo fare colazione, risistemare i letti, o altro.

Di sicuro né godranno le mura della tua casa.

arieggiare casa finestre aperte

Monitorare i livelli di umidità: è importante tenere d’occhio i livelli di umidità in casa, specialmente in aree come il seminterrato, la soffitta e i bagni. Idealmente, i livelli di umidità dovrebbero essere mantenuti al di sotto del 65/70% per evitare l’accumulo di umidità. Dipende molto anche dalla temperatura interna degli ambienti.

Questa tabella può darti un idea di come gestire l’umidità interna. Le tabelline rosse stanno ad indicare il punto di rugiada. Ad esempio con umidità relativa del 70% e 20 gradi interni, il punto di rugiada si ha a 14.4 gradi, quindi parlando sempre di finestre, se il mio vetro con queste condizioni anvrà temperatura superficiale di 14.4 gradi ed inferiore, avremo formazione di condensa.

tabella punto di rugiada in base ad umidità e temperatura interna
tabella punto di rugiada in base ad umidità e temperatura interna

Utilizzare un isolamento adeguato:

un isolamento adeguato può aiutare a prevenire l’accumulo di umidità riducendo la quantità di aria fredda che entra in casa. Ciò può essere ottenuto aggiungendo isolamento a pareti, soffitte e vespai.

Ovviamente non sto dicendo di “rifare” casa, ma, quando si valutano lavori di ristrutturazione, effettuarli sempre con condizione di causa, ossia migliorare l’isolamento dell’appartamento.

Utilizzare un termo-igrometro:

un termo-igrometro: può aiutare a regolare i livelli di umidità accendendo il sistema HVAC quando i livelli di umidità superano un certo punto.

Pulisci e mantieni le finestre efficienti:

la pulizia e la manutenzione regolari delle finestre possono aiutare a prevenire l’accumulo di sporco, polvere e umidità. Ciò può essere ottenuto pulendo le finestre con un panno umido e utilizzando un detergente delicato per rimuovere sporco e magati anche la muffa che via via si fora sulle guarnizioni interne.

Seguendo questi accorgimenti è possibile prevenire la formazione di muffe e condense dopo la sostituzione del serramento.

Mi raccomando!

Attenzione a quando si stende la biancheria umida in casa durante il periodo invernale. Aiutati con un deumidificatore.

Se stai pensando di sostituire le tue vecchie finestre e non sai da dove partite, naviga all’interno del sito e scopri a cosa prestare attenzione!

Oppure puoi contattarmi ai recapiti qui sotto, insieme capiremo come esserti di aiuto.

Ciao e al prossimo articolo

Carlo Cosmai

-Posatore Capo Squadra di 4 livello secondo UNI11673

Seguici anche su YouTube.